ORIENTEERING PARTY

Ieri siamo stati a una festa di compleanno. Non c’era il sole, ma le gocce di pioggia si rifiutavano di cadere, c’era il vino nei bicchieri, una montagna di fave, bambini a rincorrere un pallone o farfalle o chissà cosa.

drink inentifiers
drink identifiers celebrities, Funky Table

C’erano alberi su cui arrampicarsi, e vecchi amori da riscoprire.

albero

spallucce

E già così andava benissimo, ma non era una festa qualunque perché per i bambini era stata organizzata una gara di Orienteereng.

gazza

Remo, l’artefice di tutto, prima ha spiegato ai bambini che cosa fosse, cioè uno sport nato un secolo fa in Scandinavia che consiste nell’effettuare un percorso, solitamente in un bosco, utilizzando una particolare cartina per orientarsi. Ha raccontato che seppur da noi non è molto praticato ci sono paesi in cui gli atleti di Orienteereng sono considerati alla stregua di calciatori, raccogliendo un sacco di consensi.

Ha spiegato a un pubblico incredibilmente attento che avrebbero dovuto trovare delle lanterne, e no, che non potevano portarsele a casa. Che su queste lanterne c’era una sorta di pinza che lasciava un segno (punzone) su un foglio di carta che avrebbero dovuto portarsi dietro chiamato testimone di gara, e che ogni lanterna aveva un punzone diverso, quindi di fare poco i furbetti.

lanterna

Ha arricchito la gara aggiungendo la ricerca di specifici oggetti e la risposta a domande che facessero capire che i bambini fossero passati in un determinato luogo.

mappe

Ha spiegato loro come leggere le mappe che lui stesso realizza, il suo vero lavoro è proprio questo, e ha consegnato una bussola a ogni squadra.

bussola

I bambini sono partiti poi a scaglioni, il primo in massa verso il bagno è stato decisamente impressionante.

Dopo i primi minuti in cui qualcuno (tipo me) si è chiesto se la seconda parte del gioco consistesse nel mandare i genitori ubriachi a cercare i figli dispersi nel bosco, ci siamo rilassati e goduti un pranzo senza bambini intorno. Più o meno. Una mossa veramente geniale.

mentre

I bambini sono tornati tutti, chi prima e chi dopo, anche se il tempo di percorrenza influiva sulla classifica finale solo a parità di punteggio ottenuto con lanterne, ricerca oggetti e risposte.

trofei

La squadra di Patasgnaffa se l’è giocata tutta sulla velocità, restituendoci una bambina al limite dell’infarto ma speranzosissima di vincere.

winner

E il secondo posto guadagnato è una gioia che scorderà difficilmente….

6 thoughts on “ORIENTEERING PARTY

  1. Nella mia scuola in provincia di MN avevamo un professore appassionato di Orienteering che ha instradato un po’ tutti noi ragazzini delle medie, quanto amavo quelle corse. Mio fratello è pure diventato campione italiano, ah, i mitici anni ’90!

    Mi piace

i tuoi commenti mi riempiono di gioia

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...