SCARPE NUOVE

Quando hai tre figli è tutto un cambio perenne degli armadi. Fai il sacco da dare via, quello da dare all’amica che ha una femmina, quello da dare a quella che ha tre maschi, quello da tenere perché ci sei tanto affezionata ma che al prossimo trasloco sicuramente sparirà e quello da passare al figlio successivo.
Nel nostro caso il primo è un maschi e le successive sono femmine. Ma femmine proprio, anche se una in realtà è un punkabbestia e l’altra uno scaricatore di porto. Ma loro sono convinte di essere principesse, e come tali di poter indossare solo cose rosa, possibilmente con i lustrini.
Patasgurzo quando aveva tre anni mi chiese delle scarpe rosa con farfalle e paillettes, ma io non gliele comprai, perché sapevo che all’asilo sarebbe stato un filino, ma giusto un filino, preso in giro. E da allora non me ne ha più chieste…purtroppo.
Ho quindi un sacco di tristissime scarpe marroni che Patasgnaffa si rifiuta di mettere.
Però ho scoperto che le scarpe si possono tingere. A casa. Facilmente. A poco prezzo. Inutile dire che è stata una svolta.
Il procedimento è facilissimo, a vera prova di imbranato.
Innanzitutto bisogna procurarsi la tintura, online è facilissimo. Arriva a casa un kit che contiene un pre trattante che bisogna passare sulla scarpa con una spugnetta abrasiva per i piatti. Puzza di pipì di gatto, ma si può sopravvivere, e serve per pulire la scarpa e rimuovere eventuali trattamenti che impedirebbero una buona presa della vernice.

Poi bisogna proteggere con dello scotch le parti che non si vogliono tingere, e questo lo convengo è la parte più noiosa.
Con un pennellino si dà la vernice sulle parti più ostiche da raggiungere e il resto lo si passa con una spugnetta facendo dei piccoli movimenti circolari. Spugnetta e pennellino sono già nel kit.
A me sono bastate un paio di mani, e avendo scelto una bella giornata di sole in un’ ora e mezza me la sono cavata.

Con una boccetta ho fatto le scarpe, che furono di Patasgurzo,  per Patasgnaffa.
Poi ho ne ho fatte un paio, che furono di Patasgnaffa, per Patagnoma, che voleva le scarpe rosa e che così ha avuto l’illusione di avere una cosa nuova, presa solo per lei  certo stamattina mi ha chiesto le scarpe rosse, ma si sa che non si accontentano mai questi mocciosi).

Le ho messe in una bella scatola, e le ho loro spacciate come un regalo speciale.
Io sono figlia unica, ma credo che alla lunga avere i resti dei fratelli maggiori possa anche essere  una scocciatura…per fortuna bastano pochi espedienti!

Non so quanto durerà la tintura, ma è venuta benissimo e le scarpe sono rimaste belle morbide. In più ne ho ancora un po’ per fare eventuali ritocchi.
Inutile dire che mi si è aperto un mondo, e che con i soldi risparmiati mi sono presa un paio di scarpe per me….

18 thoughts on “SCARPE NUOVE

  1. Gaissima sei un genio, io da sorella maggiore ho dovuto usare quello delle cugine, che avevano gusti pessimi, mamma mi aggiustata le cose… Quanti ricordi. Mayda

    Mi piace

  2. Fantastico…potrei risfruttare l'idea, peccato che il mio treenne perseveri nel grattare in terra la punte delle scarpe, per cui già dopo 3 giorni le scarpe nuove sembrano vissutissime… Ma magari quando la smetterà potrei tenere presente questo trucchetto per rinnovare le scarpe per il pupino in pancia che sta per arrivare.

    Mi piace

  3. Ma no, dai, ti conosco da 10 minuti e sei già il mio idolo!!
    Stesso problema: un maschio grande a cui compro cose nontroppodamaschio perché so che poi le dovrò mettere alla sorellina e la sorellina – appunto – che rifiuta vestiti grigio-blu-marrone…e ha soltanto 20 mesi!!
    Hai aperto un mondo pure a me!! ^_^
    Ah, arrivo dal blog di io tifo per voi, piacere di averti conosciuta!!

    Mi piace

  4. Ciao! Saresti l'idolo di mia madre! Figurati che lei è arrivata a vestirmi con gli abiti di mio cugino. E, rivedendo da grande le foto, beh… il mio commento è stato: però ero proprio fighissima. Quindi… applausi alla tua inventiva che ho scelto di condividere inserendo questo tuo post nella mia classifica settimanale di Top of the Post. Se ti va di leggerla eccoti il link: http://www.iotifopervoi.it/index.php/2014/03/24/top-post-14-24-marzo-2014/

    Mi piace

  5. meravigliaaaa! (anche se io ODIO il rosa. Il mio breve preiodo rosa avuto all'età di 5 anni si è limitato a desiderare e ottenere un cuscino di raso rosa).
    Mi chiedevo anche io se funzioni solo con le scamosciate oppure no.
    Io avevo tinto delle scarpe, senza pre trattarle però, e dopo un po' la vernice si è crepata…

    Lisa

    Mi piace

  6. No ma Gaia si apre un mondo anche per me, con una sola domanda però… sbaglio o tutte le scarpe che hai tinto erano scamosciate? Non dirmi che si possono tingere solo quelle se no il mondo che mi si era aperto si richiude subito! 😦

    Mi piace

  7. quanti ricordi… anch'io ho tinto, a suo tempo, scarpe e borse, mi ricordo addirittura una borsa postino di cuoio in tre colori pastello abbinati… per me, però! a te dunque va una medaglia speciale…

    Mi piace

  8. Il risultato è stupendo, grande idea! Mi sa che le tue patafiglie e la mia andrebbero proprio d'accordo. Noi abbiamo un hippoppara amante del fucsia e delle paillettes!

    Mi piace

i tuoi commenti mi riempiono di gioia

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...