UN SOGNO

Inizio ad essere stanchina. La mia bambina premio, la mia Patagnoma che dormiva e sorrideva si è stufata di essere diversa dai fratelli e ha deciso che otto ore di notte la mamma non se le merita (perchè, perchè, perchè???). Così. anche se avrei mille cose da fare, ho deciso che la mattina, almeno una volta a settimana pisolerò con lei. Così ho fatto oggi, e ho sognato un sacco. Sogni vividi, con un senso logico e che mi ricordo. E questo non succede quasi mai.
Uno in particolare mi è riamasto impresso.
Ero uscita a passeggio per il mio paesello, dove persino l’unico alimentari ha chiuso una decina di anni fa. Anche la chiesetta è sempre chiusa, c’è il prete part-time (almeno credo!).
Mi sono infilata in un cortile e ho visto qualcuno entrare in un portone. L’ho seguito e: c’era un parco! Non grandissimo e neanche tenuto bene. Con delle alte mura di sasso e vialetti di ghiaia.
Ma c’erano i castelli di ferro su cui arrampicarsi, uno scivolo basso e sinuoso e tre altalene. C’erano bambini che giocavano a palla e in un vialetto laterale, all’ombra di appuntiti alberi, delle bambine saltavano alla corda.
C’erano lettori sulle panchine, gente a passeggio e una cantante lirica giapponese che aveva improvvisato un concerto.
C’era chi correva e anche un piccolo bar con i tavolini e le sedie in ferro.
In fondo al giardino una grande cancellata si apriva su una spiaggia bianca e inquadrava un mare spazzato dal vento.
Perchè quando si sogna si deve farlo in grande!

6 thoughts on “UN SOGNO

  1. @ 6cuori, era il mio premio finchè dormiva…adesso è il mio presentino ;-P
    @ Ester, certi periodi della vita sono indimenticabili…un pò come l'esame di maturità!
    @ Anna, è un piacere
    @ Cristina, sarebbe bello non fosse solo un sogno….
    @ Soleil. ne avrei proprio bisogno!!!

    Mi piace

  2. Ci voglio andare anch'io in quel parco lì! Posso metterci anche una casa sull'albero tutta colorata? (che sorpresa trovarti nel mio novellissimo blog!)

    Mi piace

  3. Il mio ultimo sogno vivido è di una settimana fa', ero a casa dei miei e dei muratori distruggevano il giardino per far passare i tubi del gas…. sarà stress da ristrutturazione?

    Mi piace

  4. In effetti, fa venire voglia di vederli i luoghi del tuo sogno…
    Sai che anche il mio ultimo è il mio bambino premio? Io lo chiamo il mio regalo speciale, infatti quando strilla(va) mio marito me lo molla(va): “Tieniti il tuo regalo”. Ciao!

    Mi piace

i tuoi commenti mi riempiono di gioia

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...