IL BALLO DEL DIPLOMA

Ai tempi di Patasgurzo i bambini si esibivano in dubbi balli di gruppo e poi arrivava il sindaco a consegnare il diploma. Il suo anno avevano anche organizzato una caccia al tesoro sul lungo lago e la sera si erano mangiate salamelle nel cortile dell’asilo….se non fosse stato per il temporale e un demente che aveva cercato si aprirmi la macchina come una scatoletta di sardine, i miei seggiolini auto fanno gola ai più si sa, sarebbe stata anche una bella serata.
Quest’anno invece si è deciso di traslocare l’intero asilo, genitori compresi, alla Rocca, il castello che ci guarda dall’alto.

A me in verità mi sembrava un idea alquanto bislacca; a giugno è risaputo, o piove a secchiate e o fa un caldo torrido, non proprio belle premesse per una passeggiata in salita alle quattro del pomeriggio.
E invece è stato carino; certo i bambini più piccoli davano i numeri, non so quanta acqua è stata consumata e Patasgnaffa aveva due guance che definire rosse forse sarebbe riduttivo.
Ma bambini, passeggini, nonne , mamme sui tacchi, papà con videocamera che salivano su per i tornanti mettevano allegria.

I bambini si sono esibiti in una danza medievale e non è stato male. Certo, essere nel cortile di un castello ha aiutato non poco a suggestionare gli spettatori.

Poi hanno cantato le immancabili canzoni in cui la base registrata la fa da padrona (ma perchè, ancora una volta perchè!?) e finalmente si sono diplomati.

Con cappello, troppo largo, e pergamena. Con labbra strette dall’emozione e sguardi stupiti, perplessi e felici. Perchè eravamo tutti lì con loro, perchè c’era il sole e le zanzare danzanti. Perchè non hanno la più pallida idea di quello che verrà dopo, perchè sono fiduciosi e aperti alla vita. Ingordi, impazienti, ma capaci anche di stare su un ramo a penzolare i piedi.

10 thoughts on “IL BALLO DEL DIPLOMA

  1. Ecco, l'idea del battello da Arona abbatte parecchi chilometri, potrei riuscire a convincere B! Grazie per la dritta. Se passiamo sicuramente ti avviso. Poi, dopo aver visto la casa su Casa Facile, sarà un onore vederla dal vivo! 😉

    Mi piace

  2. Patasgnaffa un altro anno all'asilo e farebbe harakiri….ma forse i tedeschi sanno intrattenere i giovani virgulti in maniera più creativa! hakunamatata!

    Mi piace

  3. il lungo lago è tutto un enorme pratone! ma io sconsiglio la domenica, se si può il sabato è meglio….ma forse sto diventando una residente malmostosa ;-P. E' carino anche prendere il battello ad Arona e arrivare via lago.
    Patasgurzo è uccel di bosco fino a metà luglio, ma se venite dopo dobbiamo assolutamente vederci. A quel punto anche di domenica, tanto a casa nostra c'è meno traffico ;-D….non c'è un pratone ma un cortile e Patasgurzo sarebbe più che felice di “sacrificare” il suo tempo dietro il pallone….il problema sarebbe solo farli smettere!

    Mi piace

  4. Il diploma all'asilo? Ma cosa mi sto perdendo?? Pensa che l'anno prossimo invece Sveva sarà ancora all'asilo; quando ti racconterò del perché e del percome so già che non ci crederai. Sono strani questi tedeschi esportati in Kenya, ma sono diventata molto più rilassata anch'io, molto più hakunamatatica….

    Mi piace

  5. Che carina che sei! 🙂 Comunque tranquilla, Nicolo' si è già stufato delle nocciole. A lui basta un prato, un pallone e un volontario che si sottoponga ai suoi lunghi tornei di calcio. Quando torna Patasgurzo?? 😉
    Mi hanno parlato di un prato enorme ad Angera…mi dai qualche indicazione più precisa così convinco B. a spingersi fin lassù? graazie!

    Mi piace

  6. Eh eh, in effetti non siamo poi tanto lontane. Se la prossima volta afa, traffico, emicrania non ti fermano , batti un colpo. Qui in casa è sempre fresco e sono piena di pastiglie per il mal di testa. Intanto faccio scorta di nocciole 😀

    Mi piace

  7. ANGERA? Angera?? Sai che ci dovevamo andare ieri in gita??? Poi saltato per afa, traffico, emicrania. Sai che pensavo fossi da tutt'altra parte, tipo Lago di Como o di Garda??? Bello. Ora lo so. 🙂

    Mi piace

  8. Mi chiedo il senso di farli cantare in play back…..perchè alla fine è questo che succede, sentendo le altre voci non tirano fuori le loro…..io mi deprimo sempre….comunque avere un maestro di musica, anche se pazzo, è già qualcosa….

    Mi piace

  9. Ciao gaia,
    è sempre un'emozione fortissima guardare i nostri bimbi sbocciare… e a proposito d basi musicali anche io mi chiedo il perchè… alla recita finale di mio figlio oltre alla base si è aggiunto il maestro di musica (da me ribattezzato “pianista pazzo”) che per tutto il tempo delle canzoni ha strimpellato note senza senso ( alle nostre orecchie, probabilmente alle sue suonavano come Rachmaninov..) Uno strazio!!!!!!!
    Serena

    Mi piace

i tuoi commenti mi riempiono di gioia

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...