LAGO DEI CIGNI

E’ un po’ di anni che scrivo sul blog, dovrei aver capito l’importanza della pianificazione, ma come sempre mi trovo sempre fuori tempo.
Quindi eccomi qui, con il mio post sul carnevale, con un tutorial per trasformare le vostre giovani fanciulle in piccoli cigni, o in buffi anatroccoli.

Un tutorial a carnevale praticamente finito e senza foto del processo creativo perché non ce l’ho fatta a farle per via del tempo. Del tempo che non avevo e di quello che c’era fuori, che ha avuto l’ardire di ritornare piovoso.
Un post perfetto, ci manca solo una ricetta fallimentare delle chiacchiere (crostoli o bugie o come altro volete chiamarle) e siamo a post(o).
Comunque eccoli qui i miei due piccoli cigni, non truccati, scalzi e non in riva al lago come avevo immaginato. Cioè io avevo la scenografia perfetta e non l’ho usata. Snifferò piume per punizione, anzi no quello l’ho già fatto confezionando i vestiti.

Per fare quello di Patasgnaffa ho cucito uno scamiciato bianco, di vellutino, ma potete prendere anche una canottiera di qualche taglia più grande in modo che sembri un vestitino. A quel punto procuratevi dei boa di piume, le trovate facilmente nei negozi cinesi, ma si trovano anche nelle mercerie ben fornite. Ovviamente sono assolutamente la stessa cosa. Armatevi di pazienza, una mascherina e anche un grembiule, è un consiglio d’amica, e cucite le piume sullo scollo, sulle maniche e sull’orlo inferiore del vestitino.

Il costume di Patagnoma è invece un semplice body bianco, a cui ho cucito due giri di piume intorno alla vita e due piccole applicazioni ai lati dello scollo. Avevo paura che troppe piume la infastidissero troppo, e avevo ragione!

Per il collo dei cigni ho usato un tubo di cartone di quelli che si trovano all’interno delle carte da regalo.
Gli ho infilato sopra una gamba tagliata da un paio di vecchi collant di Patasgnaffa imbottendo la parte del piede per farla diventare la testa del cigno, fermando l’estremità con un nodo e facendolo rientrare nella cavità del tubo. Sulla testa ho disegnato un paio di occhi, ho cucito un becco di feltro giallo e nero e una coroncina d’oro, perché trattasi di cigni regali, non le prime ochette che passano!
Alla base del collo ho messo un collarino di pizzo per evitare che l’imbottitura se ne andasse qua le là. All’inizio avevo messo un collarino di piume, ma più che un cigno sembrava un avvoltoio, e capirete bene non fosse il caso! Quello stesso collarino però l’ho fatto scivolare alla fine del tubo, dando l’illusione di una coda.

Comunque sia alla festa del nido, a cui parteciperà anche Patasgnaffa, si vestiranno da cowboy o indiani…quindi domani si ricomincia a cucire!

10 thoughts on “LAGO DEI CIGNI

  1. Tu sei geniale e le tue mani sono magiche quanto le tue idee!
    Se abitassi vicino a te ti metterei al lavoro corrompendoti con stoffe e colori 🙂
    Riguardo all'idea del Carnevale in maggio di Elisa Groovy, ditemi dove si firma!

    Mi piace

  2. Però una cosa in comune la abbiamo. Anche io avevo trovato la location perfetta per le foto di carnevale, ma siamo arrivati a martedì grassi e ancora non si sono mascherate… E non lo faranno neanche oggi. Tempaccio! Elisa, Alice, Viola, per voi carnevale… Continua! In barba a tutti! Le maschererò in quaresima!!!

    e poi, lo penso ogni anno, firmiamo una petizione per spostare carnevale a maggio? Giardini in fiore, clima favorevole e meno virus nell'aria!

    Mi piace

  3. Sono esterrefatta! I vestiti sono SPLENDIDI! E le “ragazze” sono adorabili. te l'avevo detto che ci avresti stupite ancora una volta. Sei geniale. GE-NIA-LE! E in quest'ultima foto Maia sembra una diva.

    Mi piace

i tuoi commenti mi riempiono di gioia

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...