ERA MEGLIO FARE UNA TORTA

Settimana scorsa Patagnoma è stata malata, una febbriciattola non abbastanza forte da stenderla, quindi abbiamo dovuto trovare un’alternativa ai puzzle perché sono troppo frustranti. Per me perché lei li finisce più in fretta.
La notte precedente l’avevamo passata in gran parte sul divano a guardare la televisione perché dormire con la febbre in questa casa non pare essere di moda.
In realtà io guardavo la televisione cercando di non addormentarmi, lei guardava video su youtube, via via sempre più improbabili.
Quello più visto è stato uno in cui una mano pelosa mescolava via via ingredienti diversi fino ad ottenere una pasta modellabile.

Inutile dire che la mattina non abbiamo potuto esimerci dall’emulare la mano.
Ho cercato una ricetta che comprendesse gli ingredienti che avevo in casa. Ovviamente non l’ho trovata e così mi sono ritrovata mescolare ingredienti “voglio ma non posso”.
La farina ce l’avevo. Bene. Il sale pure, anche se ho dato fondo alla scorta. Il cremor tartaro non ce l’avevo, l’avevo finito facendo dolci. Incredibile già che un ingrediente così strano sia transitato nella mia cucina. Quindi l’ho sostituito con bicarbonato e un pizzico di lievito, perché se fosse stata una torta avrei fatto così. Avevo anche l’olio, e non l’ho neanche usato tutto.
Coloranti alimentari ne avevo a paccate, perché le frivolezze qui non mancano mai.

E così abbiamo versato, mescolato, strizzato ed impastato per un tempo incredibilmente lungo fino ad ottenere quattro panetti di una pasta morbida e colorata.
Patagnoma ha subito mischiato tutti i colori creando un serpentone multicolor che sembrava finito sotto a un Tir, poi si è stufata ed è andata a leggersi un libro.
Io, assolutamente in maniera non spontanea, ho dato vita a Barbalalla. Non avevo finito di metterle i fiori tra i capelli (capelli?) che peggio di un soufflè, si è sgonfiata, trasformandosi in una sorta di bignè verde.

Inutile dire che l’esperimento non è riuscito, inutile dire che, essendo una ricetta fallimentare, non potevo esimermi dal divulgarla. Ho una fama da difendere.

2 thoughts on “ERA MEGLIO FARE UNA TORTA

  1. Lieta di rileggerti. Anche qui influenza intestinale e anche qui sembra non sia il caso di dormire quando si sta male. Noi abbiamo fata la pasta bianca di Giada di Quando fuori piove, perchè ha POOOOChI ingredienti. Sei un portento. ELisabetta

    Mi piace

  2. Piove, è venerdì e sono stanca, mi sono addormentata e non ho fatto in tempo a lavare i capelli, corro e la giornata ora ha un pò di colore! Questa pasta io la faccio al CDD dove lavoro, ma i colori sono sempre mosci! Ora sono pronta ad impastare anche qui a casa insieme alla mia valida aiutante duenne, Lena! E se la mangia non c'è dentro neanche l'uovo crudo come nella frolla, che sarà mai! Ha capito in ogni caso la differenza tra biscotto cotto e biscotto crudo! :)) Leli

    Mi piace

i tuoi commenti mi riempiono di gioia

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...