MA I LAMA MANGIANO LE MELE?

In una domenica piovosa potresti sprofondare in un morbido divano a mangiare patatine, oppure lasciarti convincere da due strani individui franco-italiani, colorati, succosi e simpatici, a passare una giornata in fattoria per scoprire che:
Le mele crescono sugli alberi, fatti da corteccia, rami, foglie e gemme. Per guardarli si possono usare gli occhi, ma con la lente di ingrandimento è molto più divertente. E se si è molto bravi si vince un ferro di cavallo, che bisogna lasciare sporco, sì anche se c’è della cacca, ed appendere a testa in su. Però si può dipingere. La mamma commossa ringrazia.

Le mele sono rosse, verdi e gialle. Sembrano delle belle palle ma non lo sono, quindi non tirarle che si ammaccano subito. Le mele ammaccate però fanno una bella fine. Vengono messe in un grande catino, lavate per benino, poi frullate e centrifugate. Quel che ne uscirà sarà un succo così magico che se per caso hai il mal di gola di sicuro ti passerà nel giro di tre sorsi.

I lama si portano al guinzaglio, come dei cani. Ti sputano addosso, è vero, ma solo se sei un lama, quindi, in linea di massima non c’è problema.

Anche se il cielo è grigio, stare fuori è sempre bello, anche se le patatine sono buone non scordiamoci che in fondo sono patate. Si trovano nell’orto, scavando appena la terra, e sono buonissime anche bollite con un filo d’olio. L’olio è fatto con le olive. Crescono sugli alberi, si raccolgono in autunno, e vengono spremute per ottenere l’olio. Tutto quello che mangiamo, anche il più raffinato, tiene in memoria le sue origini naturali, ricordiamocelo, e cerchiamo di fare un passo indietro. E’ buonissimo.

Anche la compagnia, non solo le mele, era ottima eh!

4 thoughts on “MA I LAMA MANGIANO LE MELE?

  1. Barbara, che occhio! brava! Hai pure azzeccato il grado di parentela ;-D
    E' stato divertente, Patasgnaffa è entrata in casa e ne è schizzata fuori dicendo “c'è un signore con la macchina fotografica!”. Patagnoma lo guardava perplessa, Patasgurzo probabilmente non si è accorto di nulla.
    Credo che fotograferanno anche la casa di Milano….vediamo se la riconosci (anche se l'ho fotografata molto meno)
    un bacio

    Mi piace

  2. Ciao!!! una curiosità: sfogliando l'ultimo numero della rivista “abitare country” ho visto che c'è un servizio di una casa sui colli piacentini e mi aveva colpito una foto perché c'era uno scorcio che mi sembrava di aver già vista da qualche parte… e in effetti avevo ragione perchè l'avevo vista sulla tua pagina di facebook. quella in cui c'è patapà che fa camminare patagnoma sul pianerottolo della casa in campagna e dietro si vede una libreria bianca… allora ho collegato: ma quella del servizio è la casa di campagna dei tuoi suoceri, vero?! Barbara

    Mi piace

  3. Еxcellent gοods from you, man. I haνe unԁerѕtanԁ your stuff ρrevious too аnd you'rе just extremely
    eхcellent. I аctually lіke ωhat you have acquiгed here,
    гeally liκe what you aгe saуing anԁ the way in which yοu
    say it. You make it еnjoyable and you still taκе
    сare of to κeep it sensible. I can not wait to read faг more fгom you.

    Тhis is actually a tгemеndous ωeb ѕite.

    mу weblоg – eat stop eat botox Julie chen before and after pictures

    Mi piace

  4. Bello bello! Ho sentito il profumo delle mele e poi io sono seriamente succodimeledipendente… ne ho in frigo anche adesso. Però quello spremuto dalle mele vere che si trovano sugli alberi veri con la corteccia secondo me è un filino più buono!

    Mi piace

i tuoi commenti mi riempiono di gioia

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...