PATARIVOLUZIONE: UNA STANZA TUTTA PER SÉ

Incredibile, ci ho messo molto meno tempo a ribaltare casa che a scrivere poi i post. Che vi devo dire, il carrozzone scuola e affini che si rimette in moto, la pioggia e quindi la poca luce, il mal di testa (l’ autunno non è il mio momento migliore), la macchina fotografica che mi sembra non mettere più niente a fuoco (o forse sono io), e probabilmente anche l’ invasione delle cavallette.
Comunque in qualche confuso modo, vedi messa a fuoco, ma forse ne potrei fare la mia cifra stilistica, ecco che sono qui per farvi vedere la stanza che è tutta mia.

la mia storia appesa al muro

Sono stata sempre molto fortunata, nella Patacasa ne ho avuta sempre una. All’inizio era in mansarda, un po’ buia e fuori dal mondo. Ci andavo molto poco e presto Patagnoma mi ha sfrattata. Ovviamente in quel periodo ho iniziato a cucire compulsivamente e così la cucina si è riempita di scatole e stoffe. Grazie al cielo nel giro di un anno siamo riusciti ad avere un po’ di spazio in più, e così sono riuscita nuovamente ad avere un posto mio. Non tutto mio, perché lo dividevo con Patasgurzo che in mezzo alle sorelle si sentiva più stretto che con la mamma, però anche stare a cucire con lui che improvvisava partite a calcio con qualsiasi cosa aveva un suo perché.
Poi mi son messa a girare le stanze di nuovo, in fondo era un anno che non lo facevo, avrei anche potuto essere presa per pigra. E così la stanza è diventata tutta mia, sopra la sala, con una scala d’accesso tutta sua e tutta sua anche un’ entrata. Ed era quasi come andare al lavoro da qualche altra parte, quasi avventuroso. Pensavo di archiviare questa collocazione come la mia preferita in assoluto, e quando è venuto il momento di rigirare ancora le stanze (vedi sopra) ero abbastanza triste.

Adesso la mia stanza si trova nel centro della casa, in un punto di passaggio, in balia di fornelli, bucati e bambini. Lì una volta c’era la stanza dei giochi e dopo la camera di Patasgnaffa che potrebbe dormire anche in una discoteca. In fondo è figlia mia e io l’ho fatto più di una volta.

Però a sorpresa questo essere nel centro mi piace un sacco, ho meno privacy, non stacco mai da niente, devo tenere tutto più in ordine, però riesco a cucinare e cucire, fare il bagno alle bambine e dipingere, passo di lì prima di andare a dormire e incollo qualcosa.

E inaspettatamente sono più felice di prima.

4 thoughts on “PATARIVOLUZIONE: UNA STANZA TUTTA PER SÉ

  1. Ti immagino la sera, con gli occhi a mezz'asta, afferrare un pezzo di stoffa e incollarlo dove capita… per poi ritrovarti, la mattina successiva, una nuova strabiliante patacreazione!

    Mi piace

  2. Quanto mi mancava un tuo post! E questa stanza e' magnifica ….so fare all'uncinetto ma non so cucire e soprattutto non ho la tua fantasia. Sei un mito.
    P.s. Aspetto foto più esplicative della tua camera da letto…;-)

    Mi piace

i tuoi commenti mi riempiono di gioia

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...