MA QUANTI CAPELLI

Quando ancora erano giovani e soli i Patagenitori, talvolta, fantasticavano sulla futura prole. In particolare un giorno in Bretagna persero del tempo in un negozio a guardare tutine, calzini e cappellini tutti rigorosamente a righe. L’indumento che più sciolse loro il cuore era un piccolo cappellino. Un cappellino fondamentale per la loro futura creatura che ancora non esisteva ma era dotata di affettuoso nomignolo: Pelatino.
Quella vacanza fu decisiva, piccoli bellissimi vestiti, spiagge sconfinate e francesissime e numerosissime giovani famiglie da cartolina convinsero i Patagenitori a diventare tali, e il Pelatino fu messo in cantiere.
Un mese prima del parto durante una visita la ginecologa comunicò a Patamà di aver sentito i capelli e un’ostetrica di nome Rugiada (non è un nomignolo da blog!)disse, rincuorando una sofferente donna appena entrata in sala parto, di vedere già i capelli.
Patamà poi spinse per altre quattro ore ma quando Patasgurzo nacque subito (forse non subito…per un po’ i suoi pensieri furono alquanto vacui) capì sia l’ostetrica che la ginecologa. Infatti aveva avuto due bambini, Patasgurzo e i suoi capelli. Dei capelli folli, tantissimi, biondissimi e perfettamente acconciati. Venivano a vederlo da altri reparti. Ci furono visite di puericultrici ormai pensionate e Patamà cominciò ad abituarsi, andando in giro con la carrozzina, a sentirsi dire sempre, per prima cosa: “ma quanti capelli!”.
Poi rimase incinta di Patasgnaffa, una femmina, lo specchio materno per eccellenza, e si preparò ad accogliere tra le sue braccia una biondissima pelatina.
Ma ecco comparire un’altra testa piena di capelli e questa volta erano pure scuri.
Di nuovo il primo commento della gente davanti a questa minuscola creatura fu quasi sempre: “ma quanti capelli!”.
Arrivò anche il turno di Patagnoma. Patamà a quel punto aveva rinunciato al suo “Pelatino”, però ancora cullava il sogno di una biondissima e boccolosa creatura.
Ma ecco sbucare fuori lo stampino dei primi due, con folti capelli forse ancora un poco più scuri.
E ancora la prima cosa che tutti dicono è: “ma quanti capelli!”.

3 thoughts on “MA QUANTI CAPELLI

  1. sei troppo forte,mi piace il tuo racconto!! devo dirti ke la nascita di mia figlia è stata tutta una vera sorpresa..anzi un miracolo!! quando è nata tutti dicevano: ke bella bimba..ma quanti capelli!!! inoltre essendo io e il mio hit(marito)castani kiari,mi kiedevano del xè lei fosse scura!! fortunatamente Noa è la fotocopia del suo papi sennòòòòòòò!!! ^__^ ciao a tutta la tua bella pata-famiglia!!

    Mi piace

  2. scambio di persone, o di oggetti
    io ho avuto la sequenza di pelatini con tre capelli sulle tempie.
    pero' in bretagna avevo comprato la successione di felpe a righe bianche e blu, e la creme di salidou 🙂

    Mi piace

i tuoi commenti mi riempiono di gioia

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...