LA CREDENZINA VINTAGE

Quando ci siamo trasferiti sul lago siamo venuti a vivere in una grande casa completamente vuota. E per vuota intendo dire che non aveva neanche il lavandino della cucina.

Visto che non eravamo proprio sicuri di quello che stavamo facendo non volevamo svuotare la nostra casa di Milano e così sono andata in giro per robivecchi e ho arredato tutta casa. Con 800 euro. Sono soddisfazioni mica da ridere.

Tra gli acquisti c’era anche questa credenzina che aveva  quattro gambette instabili (via subito) e degli improbabili vetri con sopra delle pastorelle (via anche loro). Quelli in verità un pochino li rimpiango, mi consolo pensando che forse erano rotti…

Stranamente, negli anni è rimasta indenne da mie pennellate furibonde, ha cambiato casa e collocazione, rimanendo stranamente del suo colore originario.

Quando la guardavo con velleità pittoriche mi gridava a gran voce “sono un Mondrian”, e forse proprio per questa sua assurda pretesa l’ho sempre lasciata perdere. Troppa fatica e troppa precisione per i miei gusti…e per le mie abilità, parliamoci chiaro.

Però ultimamente mi faceva tristezza, e soprattutto era venuto il momento drammatico di doverla riordinare un po’…e riordinare senza paciugare non è mica poi tanto divertente.

Per fortuna che Silvia e Federica hanno aperto GustoMenta, e tra le meravigliose meraviglie che si sono messe a vendere c’è anche una carta adesiva, per di più removibile, per le banderuole al vento come me una manna dal cielo!

primaedopo2

Il gusto vintage dei disegni si sposa benissimo con il mobile, che con un sospiro mi ha detto di non sentire più la mancanza delle pastorelle.

particolari

bambaloon

In più mi sono accorta prendendo le misure delle antine che lo deve aver costruito un pazzo ubriaco perché non ce ne è una uguale all’altra, e così mi sono spiegata il mobile bar…

openbar

Come al solito, la compulsione ha preso il sopravvento e mi sono messa a ricoprire mezza sala, poi per fortuna i bambini sono usciti da scuola e ho dovuto smettere….

bancovolpino

dietrodivanocollage

banchetto

autoscattoinvolontario

LOVE CLOGS

Chi mi segue sul blog conosce la mia debolezza per le stuoie di plastica. Pensavo fosse una cosa grave, ma non sapevo che poteva esserci di peggio. Infatti chi mi segue su Instagram ( chi non lo fa scatterà solo foto con il pollicione davanti ) sa che ho un’altra dipendenza, ben più grave.

Sto parlando di zoccoli. Zoccoli nella loro forma più classica, che fanno un baccano pazzesco quando cammini, che ti fanno sentire come Cenerentola. Perché Cenerentola la scarpetta di cristallo l’ha messa una sera solo, non scordiamocelo ( non puntualizzate che nel film indossa Porselli e lasciatemi la licenza poetica).

IMG_2427

Ma l’universo zoccoli, una volta che lo scopri è più infinito di quello della Marvel e trovi di tutto. Da quello piatto, a quello taccatissimo, da quello chiuso a quello aperto, da quello senza cinturino che risuona fino all’infinito e oltre, a quello con il cinturino. Ci sono cinturini spessi, cinturini sottili e ci sono cinturini intrecciati. E soprattutto ci sono colori, tanti e bellissimi.

IMG_2618

IMG_2522

Ci sono zoccoli che sono zoccoli, zoccoli che sono sandali e zoccoli che sono pure stivali, perché gli zoccoli sono tipi versatili.

IMG_2616

IMG_2460

A vederli così tutti di un pezzo e di legno potresti anche pensare che siano scomodi, ma devi solo avere coraggio, provarli e capire che non ne puoi fare a meno. Anzi, se ti applichi scoprirai anche che più tacco hanno più sono comodi.

IMG_2558

Quando imparerai a conoscerli scoprirai che li puoi mettere tutto l’anno, e non solo perché sono sia aperti che chiusi, ma anche perché con i calzini stanno benissimo. E lo giuro, nonostante io abbia un insana passione per il cappuccino anche di pomeriggio, ho i capelli biondi, mando in giro i bambini svestiti e ceniamo alle sette,  non sono tedesca.

IMG_2584

E allora inizierai anche a coltivare un insana passione per i calzini più strani perché si sa che un vizio tira l’altro, come i cioccolatini in una scatola dorata o le ciliegie appese a un albero.

image

Capirete bene che quando SwedishHasbeens e HappySocks hanno indetto un concorso su Instagram non ho potuto resistere. Questo post è per chiedervi scusa per aver mostrato così spesso i miei piedi.

IMG_2495

Forse un giorno deciderò che questa mia dipendenza è patologica e vi porrò rimedio, sicuramente non sono ancora pronta!

IMG_2617

Se volete monitorare la mia follia potete farlo qui!